La porta

Aprire la porta a Dio e al prossimo, questa è la vera strada che porta alla vera vita

“Aprite le porte a Cristo!” diceva Giovanni Paolo II al popolo cristiano. In seguito abbiamo sentito più volte ripetere le parole “Aprire la porta la Signore” per indicare lo specifico compito delle donne nel cammino della Chiesa. Gesto umile e semplice questo aprire la porta, ma talmente importante che, se la porta rimane chiusa, non possiamo incontrare Gesù che dice: “Sto alla porta e busso” (Ap 3,20). Bisogna passare dall’immagine simbolica del semplice gesto di aprire una porta a ciò che esso qui vuole significare. Il significato va molto oltre al gesto materiale, è un insieme di attenzioni, di atteggiamenti spirituali, di cui ogni essere umano è capace, ma in cui la donna sembra avere il primo posto, per dono di natura. Benedetto XVI ha scritto: “La Chiesa, nella sua struttura giuridica, è fondata su Pietro e gli Undici, ma nella forma concreta della vita ecclesiale sono sempre di nuovo le donne ad aprire la porta al Signore, ad accompagnarlo fin sotto la croce e a poterlo così incontrare anche quale risorto” (Gesù di Nazaret -2°vol. – pag. 292). Aprire la porta a Dio, nostro Padre e Salvatore, implica poi aprire la porta al “prossimo”.
-  Quando ti abbiamo visto forestiero e ti abbiamo ospitato?
-  Ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me. (Mt 25, 40) Quindi “aprire la porta” a Dio e al prossimo, questa è la vera strada che porta alla vera vita.

In questo ultimo anno di preparazione al Giubileo Domenicano, anno 2015 dedicato nella Chiesa alla Vita Consacrata, ospiteremo testimonianze di persone che hanno vissuto la gioia di “aprire la porta al Signore”.

Invitiamo tutti a collaborare nella raccolta di testimonianze, e un anticipato grazie a tutti!

Ultimi articoli

UN CANTO PER I MENINOS DE RUA

Sabato 24 gennaio 2015 // La porta

UN CANTO PER I MENINOS DE RUA Le parole di una Suora e la musica di un educatore del Centro di Parque Peruche in Brasile, sono riusciti ad esprimere in un canto l’esperienza vissuta in uno dei tanti Centri sorti per fronteggiare il doloroso fenomeno dei bambini di strada. “Piccole vittime” è il titolo di questo canto che dà voce alla sofferenza silenziosa dei bambini che sanno però anche cantare e ringraziare. Ci sono bambini che non conoscono la pace ci sono bambini che non conoscono amore (...) Leggi il seguito

IL ROSARIO DI CASA IN CASA

Sabato 17 gennaio 2015 // La porta

A Bathore (Albania) le Suore avevano iniziato un quotidiano pellegrinaggio nelle famiglie per la preghiera del Rosario durante il mese di ottobre. La sera precedente una famiglia aveva ricevuto in consegna la piccola statua della Madonna e lungo il giorno l’aveva onorata in attesa dell’appuntamento serale che avrebbe riunito le famiglie del vicinato. Secondo le usanze del luogo, la stanza di soggiorno aveva un grande tappeto sul pavimento, alcune sedie e un vecchio divano. Su un armadietto (...) Leggi il seguito

IL CORAGGIO DI CRISTINA

Sabato 10 gennaio 2015 // La porta

Tutto cominciò quel giorno che venni chiamata al portone perché qualcuno mi cercava. Con mia sorpresa mi trovai davanti una bambina di circa dieci anni, di nome Cristina. Dopo avermi chiesto la benedizione, come si usa qui nelle Filippine, Cristina iniziò a raccontarmi la sua storia dicendomi: “Suora, tu potresti adottarmi assieme alle mie due sorelline?”. Rimasi subito molto colpita da quelle parole, ma Cristina continuò il suo racconto: “Ho dieci anni e due sorelle più piccole, una di sei e (...) Leggi il seguito

OCCHI PIENI DI SPERANZA

Sabato 20 dicembre 2014 // La porta

Dietro il portone di ferro regna tanta speranza. Ogni volta che entro nel carcere femminile di Bertoua (Camerun) mi colpiscono i grandi occhi pieni di speranza orientati verso l’uscita. Chi attendono? A che cosa pensano? C’è chi ha la fortuna di avere una visita, magari una lettera, una persona che porta un saluto… e tutte, una volta alla settimana, aspettano la suora che dedica un po’ del suo tempo per la loro formazione. Facciamo ricamo, uncinetto, cucito… ciascuna sceglie quello che trova più (...) Leggi il seguito

DONARE CON GIOIA

Sabato 13 dicembre 2014 // La porta

In parrocchia (Goiania – Brasil) collaboravo con Maria das Graças nell’attività di catechesi in preparazione alla Cresima. Un giorno lei mi confidò il suo desiderio di farci promotrici presso i catechizzandi per realizzare una campagna di solidarietà a favore di alcune famiglie povere di Goiania. Cominciammo a parlare con i bambini, chiedendo loro se fossero d’accordo di impegnarsi un po’ per aiutare queste famiglie. I ragazzi risposero con molto entusiasmo e così, anche con la collaborazione delle (...) Leggi il seguito

PICCOLA MAESTRA IN ALBANIA

Sabato 6 dicembre 2014 // La porta

Le Suore hanno proposto a lei, giovanissima studente di Elbasan, di aiutare due ragazzine che non frequentano la scuola perché né padre, né madre si prendono cura di loro. Rejeta è stata felice di questa proposta. Come una brava maestra si è fatta un piccolo programma, ha stabilito un orario e sta insegnando loro a leggere e a scrivere. A volte va personalmente a cercarle perché si dimenticano di venire alle lezioni. Rejeta ripete spesso: “E’ molto bello prendersi cura di altre persone. Agnese e (...) Leggi il seguito

VEDO NEGLI OCCHI DEI BAMBINI IL VOLTO DI DIO

Sabato 29 novembre 2014 // La porta

Sr. Mariantonietta era una vera “artista” nell’avvicinare i bambini della Scuola Materna. Letteralmente li incantava con il suo fare che sembrava semplice, quasi infantile, ma poi sapeva catturare con la sua grazia e gentilezza. Educava i bambini alla preghiera spontanea, spesso i bambini pregavano a voce alta con esclamazioni infantili che erano parte della loro vita e questo mi incantava con stupore e gioia. Lei stessa era donna di profonda preghiera e di unione continua con il Signore. (...) Leggi il seguito

UNA PORTA SBARRATA

Sabato 22 novembre 2014 // La porta

Assieme ad altre Suore partecipavo a una settimana di Missione in una parrocchia dell’Emilia Romagna. Consegnandoci il lungo elenco di visite giornaliere alle famiglie, ci era stato detto chiaramente che alcune persone non ci avrebbero accettato. Portavamo i saluti e la benedizione del loro Parroco e il dono di un crocifisso. Molte famiglie mi avevano accolto con cordialità e gratitudine, ma qualche volta le visite erano brevi, così mi rimase del tempo che pensai di dedicare alle “pecorelle (...) Leggi il seguito

QUANDO PENSI CHE TUTTO SIA PERDUTO

Sabato 15 novembre 2014 // La porta

Nonostante le prove che sta vivendo nella sua famiglia, nel volto e nel cuore di Renza si legge tanta serenità. Le abbiamo chiesto di scrivere qualcosa della sua esperienza di fede. E’ andata in una stanza, ha chiesto qualche minuto di silenzio e ha scritto così: “Quando pensi che tutto sia perduto o che non ci sia più speranza, ma perseveri nella preghiera con totale abbandono a Gesù e alla sua santa Mamma, ecco che tutto all’improvviso si trasforma. Forse la vita all’improvviso ti prova con un (...) Leggi il seguito

IL SALUTO DI ROSALIA

Sabato 8 novembre 2014 // La porta

Nel mese di maggio 2014 in Parrocchia era arrivata la bella statua della Madonna di Lourdes. Il parroco aveva deciso di portare la statua nelle case degli ammalati più gravi, da tempo infermi e quindi impossibilitati a partecipare nella parrocchia alle celebrazioni in onore della Vergine Maria. La signora Rosalia era da tempo all’ospedale e proprio in quei giorni sarebbe ritornata, senza aver risolto la gravità della sua malattia. Entrammo nella sua casa, sapendo che la Croce Rossa era per (...) Leggi il seguito

Pagine 1 | 2 | 3